Archivio di Stato di Arezzo

L'Istituto, sorto come Sezione di Archivio di Stato con D.M. 7 giugno 1941, in applicazione della legge 22 dicembre 1939, n° 2006, divenne Archivio di Stato a seguito del D.P.R. 30 settembre 1963, n° 1409. Nella Sezione erano confluiti i fondi archivistici, provenienti in gran parte dalla Cancelleria comunitativa di Arezzo, che Ubaldo Pasqui, studioso di storia locale, aveva riunito , fin dal 1885, in un unico, grande complesso documentario. I nuclei principali erano costituiti dall'archivio dell'antico Comune, dagli archivi di numerosi organi giurisdizionali dello Stato toscano, da una quantità di fondi appartenuti a corporazioni religiose, ospedali, opere di chiese e altre istituzioni cittadine e, inoltre, da pergamene varie, atti catastali e documenti diversi.

[Data Revisione: 22/03/2011 - Autore: Claudio Saviotti]


Avvisi

31/12/2014

Offerta Formativa 2014-2015

PROPOSTE DIDATTICHE PER LE SCUOLE

Le visite, salvo specifiche richieste, sono finalizzate a partecipare ai visitatori le nozioni elementari di cosa sia un archivio; familiarizzare in generale con le fonti documentarie e con le finalità istituzionali dell'Archivio di Stato, comprese la valorizzazione e la conservazione del bene culturale.

Bandi e Gare

Eventi


01/05/2015

APERTURA STRAORDINARIA 1 MAGGIO

L'Archivio di Stato di Arezzo aderisce al progetto nazionale di apertura straordinaria di siti, musei e istituti culturali promosso dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo programmato per venerdì 1 Maggio. Nell’occasione l’Istituto apre al pubblico dalle ore 8,30 alle ore 19,00.